Monitoraggio e Diagnostica

Il percorso che permette, in ogni momento, di monitorare la conservazione del reperto, ha inizio a partire dalla prima scansione effettuata al momento del suo ritrovamento. Questa costituisce la base per i successivi controlli, verifiche ed analisi. Si parte dalla mappatura del degrado, realizzabile sia su elaborati 2D estratti dal modello, o direttamente sul 3D Un applicazione avanzata di monitoraggio costante nel tempo del degrado accidentale o naturale. Attraverso l’ausilio di un particolare e specifico software, può essere eseguita un’analisi di confronto tridimensionale, per verificare e calcolare le deformazioni positive e negative che si verificano su un reperto. Questa tecnologia, che viene identificata con il termine “Analisi della Deviazione Standard”, simula il confronto tra modelli fisici, acquisiti in fasi diverse, utilizzando la tecnologia laser scanner 3D, con un apprezzamento di deformazione fino a mm. 0.09.